"...Giunsi in prossimità del bersaglio, posizionandomi a circa sei miglia di distanza da esso, una distanza eccessiva per un accertamento preciso, tanto più che era notte. Il bersaglio smise di muoversi nella mia direzione e cominciò a salire..."

21 oggetti volanti non identificati
- 5 caccia intercettori supersonici fatti decollare nel (vano) tentativo di identificarli
- 2 velivoli civili coinvolti
- 11 piloti fra civili e militari coinvolti
- 3 centri di controllo radar
- numerosi operatori radar civili e militari
- oltre 5 ore di durata
- rapporti ufficiali

Si tratta di una relazione sui fatti avvenuti la notte del 19 maggio 1986 quando numerosi oggetti volanti non identificati fecero la loro comparsa nei cieli del Brasile, interessando una zona molto ampia in particolar modo nel sud ovest del Paese per circa tre ore e causando un notevole scompiglio, prima di tutto nelle strutture della difesa aerea e del controllo del traffico aereo, poi anche della stampa e nell’opinione pubblica.

Il destinatario di questa relazione è il Ministro dell’Aeronautica e l’autore è il capo della difesa aerea brasiliana, che espone in modo sintetico gli avvenimenti di quella notte, quando diversi aerei intercettori vennero fatti decollare (a quanto pare degli F5 e dei Mirage) da diverse basi aeree.
Nessuno degli aerei, per quanto alcuni avessero capacità di volo supersonico, riuscì ad ottenere un contatto ravvicinato. Non mancarono gli avvistamenti radar-visuali, ovvero quelli dove gli oggetti venivano individuati sia sul radar che visivamente.
Vi fu un caso nel quale si ebbe la scomparsa simultanea della traccia ricevuta dal radar di bordo e della relativa luce osservata dal pilota.
Gli oggetti furono osservati strumentalmente da tre differenti tipi di radar oltre che visivamente da terra e da bordo

Rapporto del Comandante della Difesa Aerea Brasiliana - tradotto in italiano da PaoloG

Loading...

Articolo "A noite" pubblicato sulla  rivista Força Aerea n. 43 del 2007 - originale in portoghese dal sito saindodamatrix.com.br

Nel rapporto finale redatto dall'Aeronautica Brasiliana è possibile constatare l'assoluta inconfutabilità di alcuni elementi, ossia:

-Produzione di echi radar, non solo segnalati dagli apparati del Ssiteam della Difesa Aerea, ma anche da parte della strumentazione dei caccia, più dalla conferma visiva da parte di questi

-Variazione di velocità subsonica alla supersonica da parte degli UFO, mantenendosi anche in volo a punto fisso *

-Manifestazione ottica sotto forma di variazioni di colore: bianco - verde o rosso

-Capacità da parte degli UFO di accelerare e decelerare in modo brusco

-Capaticà di effettuare curve con raggio costante come di raggio indefinito

* Non sono mai stati avvertiti suoni provenienti dagli UFO, neanche il cosiddetto "bang sonico", che viene normalmente formato da un un aereo terrestre quando supera la barriera delle velocità del suono.